Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Montesilvano

Gli ingressi sono stati chiusi, ma alla Stella Maris continuano i bivacchi

Allertato da alcuni residenti, che lamentavano rumori strani provenienti dall'interno della struttura, stamani Marco Forconi del comitato #riprendiamocimontesilvano si è recato in loco. Sono poi intervenuti i Carabinieri di Montesilvano

Allertato da alcuni residenti, che lamentavano rumori strani provenienti dall'interno della Stella Maris, a Montesilvano, stamani Marco Forconi del comitato #riprendiamocimontesilvano si è recato in loco accertando l'uscita dalla struttura di un giovane sui trent'anni, di nazionalità straniera, accompagnato da un cane di grossa taglia. L'uomo, spiega Forconi, "è stato più volte visto cedere sostanze stupefacenti ai bivaccatori della pineta, fra via Isonzo e via L'Aquila".

"Alle 12.45 ho chiamato i carabinieri della stazione di Montesilvano - spiega Forconi - rappresentando il problema i quali, con intervento molto tempestivo, venivano accompagnati sul retro della struttura per renderli edotti del fatto che è possibile introdursi, a qualsiasi ora del giorno, dentro la Stella Maris in quanto due ingressi non sono stati murati ma chiusi con semplici assi di legno, fra l'altro facilmente removibili".

E infatti davanti a una colonna è stato trovato un materasso utilizzato molto probabilmente dall'uomo per dormire. Forconi, dunque, ritiene che l'ente Provincia debba "immediatamente prendere provvedimenti per interdire in maniera totale e duratura l'accesso a persone che intendono usare l'ex Colonia Fascista come centrale di spaccio".

Stella Maris 2-2-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli ingressi sono stati chiusi, ma alla Stella Maris continuano i bivacchi

IlPescara è in caricamento