rotate-mobile
Cronaca Penne

Stalkerizzava la commessa di un supermercato di Penne: secondo arresto in pochi giorni per un 61enne

Il 21 dicembre i militari lo avevano arrestato in flagranza di reato per averlo trovato con un coltello in tasca mentre infastidiva i clienti. In realtà, si è scoperto attraverso le indagini e spingendo la vittima a raccontare, da oltre un mese andava lì per vessare la giovane: questa volta però c'erano i carabinieri ad attenderlo

Era stato arrestato un prima volta dai carabinieri il 21 dicembre con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi o oggetti a offendere perché trovato in possesso, nell'area di un supermercato di Penne dove sembrava molestasse i clienti, di un coltello a serramanico.

Sei giorni dopo il secondo arresto in flagranza di reato, ma per quello che sarebbe stato il vero motivo per cui il 61enne residente nella città vestina si trovava lì: stalkerizzare la giovane commessa del market come sarebbe avvenuto, un'ultima volta, proprio la mattina del 27 dicembre quando l'avrebbe aggredita verbalmente per l'ennesima volta, ma questa volta alla presenza dei carabinieri che avevano predisposto l'appostamento.

Proprio il primo intervento dei carabinieri, quello del 21 dicembre da cui era emerso che l'uomo era in possesso di un coltello, avrebbe fatto prendere pienamente coscienza alla giovane della pericolosità dell'uomo. Sostenuta dai militari che le hanno spiegato come il nuovo quadro normativo garantisca alle vittime di reati di questa natura nuove misure, l'ha spinta a sporgere querela nei confronti del suo stalker che da più di un mese, questo quanto scoperto, sembra la vessasse in modo anche piuttosto pesante: avance non gradite, appostamenti con tanto di dichiarazioni d'amore deliranti, effusioni non corrisposte e una moltitudine di bigliettini scritti a mano avevano generato molta ansia nella ragazza che aveva iniziato a temere per la sua incolumità.  

A quel punto i militari hanno avviato una serie di accertamenti e servizi mirati a tutelare la ragazza al fine di evitare la possibile degenerazione dei comportamenti del 61enne. La mattina del 27 dicembre, predisposto un apposito servizio all'interno del supermercato per osservare i suoi comportamenti, c'è stato l'arresto in flagranza di reato dato che avrebbe attuato comportamenti aggressivi e verbalmente violenti verso la sua vittima sul posto di lavoro.

Assolte le formalità di rito è stato tradotto presso le camere di sicurezza del comando dove resta in attesa delle determinazioni dell'autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stalkerizzava la commessa di un supermercato di Penne: secondo arresto in pochi giorni per un 61enne

IlPescara è in caricamento