Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Spoltore

Spoltore, il Comune dichiara guerra ai furbetti del reddito di cittadinanza

Stanno saltando fuori molti cambi di residenza fittizi e strumentali per l'ottenimento del reddito. Di Lorito: "Bisogna combattere questi comportamenti perché tolgono risorse a chi ne avrebbe veramente diritto e dunque bisogno"

Il Comune di Spoltore dichiara guerra ai furbetti del reddito di cittadinanza. E già spuntano le prime irregolarità. Da Palazzo di Città, infatti, sono stati avviati controlli su coloro che percepiscono questa forma assistenziale, incrociando i dati delle dichiarazioni Isee con quelli già disponibili in anagrafe o raccolti dai servizi sociali del Comune. Ecco cosa rivela il sindaco Luciano Di Lorito:

"Stanno saltando fuori molti cambi di residenza fittizi e strumentali per l'ottenimento del reddito. È necessario combattere questi comportamenti perché tolgono risorse a chi ne avrebbe veramente diritto e dunque bisogno".

Vengono indagate le situazioni anagrafiche in relazione alla composizione del nucleo familiare, al luogo di residenza e a eventuali variazioni intervenute nel trimestre precedente la richiesta di accesso al beneficio.

I risultati degli accertamenti verranno forniti all'Inps per le relative sanzioni, che si affiancheranno alle procedure giudiziarie previste dal decreto sul reddito di cittadinanza: percepire questa somma indebitamente è infatti un reato punito con la reclusione fino a 6 anni.

"Ci sono molti casi di cittadini che hanno rinunciato al reddito su suggerimento dei nostri assistenti sociali - ricorda Di Lorito - Certamente c'è chi fa il furbo, come si suol dire, ma ci sono anche casi frutto dell'ingenuità e dell'ignoranza in buona fede delle normative".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spoltore, il Comune dichiara guerra ai furbetti del reddito di cittadinanza

IlPescara è in caricamento