Società fallita manometteva i bilanci e la documentazione, sequestrati beni per oltre 8,7 milioni

In azione la guardia di finanza di Pescara, che per la precisione ha sequestrato 8.724.903,29 euro. Il provvedimento è stato emesso dal giudice per le indagini preliminari del tribunale, su richiesta della locale procura

Società fallita nel 2019 manometteva i bilanci e la documentazione, sequestrati beni per oltre 8,7 milioni. In azione la guardia di finanza di Pescara, che per la precisione ha sequestrato 8.724.903,29 euro. Il provvedimento è stato emesso dal giudice per le indagini preliminari del tribunale, su richiesta della locale procura.

I militari hanno notificato 5 informazioni di garanzia per reati fiscali e fallimentari agli amministratori pro tempore della società fallita e a un professionista. Contestualmente sono stati sottoposti a sequestro:

  • 10 fabbricati
  • 2 terreni
  • 1 opificio industriale
  • 1 cassetta di sicurezza  
  • 15 conti correnti bancari

Le fiamme gialle hanno accertato artifizi contabili che, come si legge in una nota, si concretizzavano "nell'eliminazione di poste contabili creditorie, nella sottovalutazione di elementi attivi e nella sopravalutazione di elementi passivi. La falsa rappresentazione dei dati contabili è stata asseverata da un professionista di fiducia della società, nella fase della domanda di ammissione al concordato preventivo".

Prima del fallimento, la società avrebbe fatto ricorso, abusandone, alla domanda della procedura concorsuale del concordato preventivo presentandola in ben 5 occasioni, mai con esito favorevole e "con finalità meramente dilatorie". Dalle indagini è inoltre emerso che alla società fallita, già da tempo in cronico stato di insolvenza, era subentrata una “new-co” riconducibile allo stesso gruppo famigliare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La cessione del ramo d’azienda produttivo della società fallita (al prezzo di 2,2 milioni, contro il valore stimato di 6,2 milioni) in favore della new-co aveva, di fatto, privato l'azienda di tutte le risorse necessarie, aggravandone il dissesto. È così emersa, spiegano dalla gdf, una "complessiva esposizione debitoria della fallita per circa 26 milioni di euro (di cui circa 15 milioni per debiti tributari, costantemente lievitati nel tempo)".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vigilessa di Pescara Monica Campoli protagonista a "Forum" [VIDEO]

  • Coronavirus, Marsilio sulle possibili chiusure in Abruzzo: "Non lo escludo ma si lavora giorno per giorno"

  • Influenza stagionale e Sars Cov-2, come eseguire la prevenzione nei bambini: le parole del pediatria Silvestre

  • Il Lotto premia l'Abruzzo: grande vincita ad Avezzano

  • Cluster di Covid nella scuola media Rossetti: scatta la chiusura, alunni e personale scolastico in quarantena

  • Mascherine: dove trovarle online a prezzi convenienti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento