rotate-mobile
Cronaca Centro

Tenta di comprare uno smartphone da 1.400 euro a rate con dei documenti falsi: arrestato

In manette è finito un pescarese che ha tentato l'acquisto fraudolento in un negozio di Corso Vittorio Emanuele

Ha tentato di acquistare uno smartphone da 1.400 euro con un finanziamento a rate, utilizzando documenti falsi e una carta di credito clonata. Per questo, un pescarese di 56 anni è stato arrestato dalla polizia di Pescara. L'uomo è entrato in un negozio di Corso Vittorio Emanuele e qui, al momento di concludere l'acquisto, il titolare si è accorto che i documenti erano falsi e per questo fra i due era scoppiato un litigio.

BECCATO TRUFFATORE DI PESCARA

Una volta sul posto, gli agenti hanno accertato che la carta d'identità era contraffatta, con le generalità di una persona diversa originaria sempre del Piacentino. Quest'ultima, contattata dalla polizia, ha dichiarato di aver inviato al truffatore una foto con i propri documenti, poi resosi irreperibile, per effettuare un acquisto online. L'uomo in realtà è un noto alle forze dell'ordine per diverse truffe, ricettazione e reati di falso ed aveva con sè una carta di credito contraffatta e vari documenti d'identità. Arrestato per possesso e
fabbricazione di documenti di identificazione falsi, si trova in carcere e dovrà rispondere anche di tentata truffa e sostituzione di persona.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tenta di comprare uno smartphone da 1.400 euro a rate con dei documenti falsi: arrestato

IlPescara è in caricamento