Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Omicidio Thomas Luciani, al setaccio gli smartphone del branco

Proseguono le indagini da parte della polizia per l'omicidio del 16enne Christopher Thomas Luciani ucciso nel parco Baden Powell di Pescara domenica 23 giugno

Vanno avanti le indagini condotte dalla polizia dopo l'omicidio nel parco Baden Powell di Pescara che ha visto morire ucciso Christopher Thomas Luciani, 16 anni.
Il minorenne è stato ammazzato brutalmente con 25 coltellate, per un piccolo debito di droga.

Come riporta l'Ansa, se il quadro, grazie alle testimonianze dei giovanissimi coinvolti e alle immagini dei sistemi di videosorveglianza, è piuttosto chiaro, si attende di conoscere il contenuto degli smartphone sequestrati a tutto il gruppo: non solo quelli dei due 16enni sottoposti a fermo perché ritenuti responsabili dell'omicidio, ma anche quelli degli amici che erano con loro, tutti a conoscenza dell'accaduto.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Dai dispositivi - gli accertamenti sono svolti dal consulente informatico della Procura per i minorenni dell'Aquila - potrebbero emergere informazioni utili rispetto al debito maturato dalla vittima e, soprattutto, rispetto a un eventuale appuntamento che Christopher Thomas aveva con gli altri ragazzi. Il delitto si è consumato in un'area di vegetazione ben nascosta, di pertinenza delle ferrovie, raggiungibile attraverso una recinzione danneggiata. L'area, seppure a pochi metri dal parco, è talmente impervia che, se il testimone chiave domenica sera non avesse rivelato l'accaduto, sarebbero passati anche alcuni giorni prima di scoprire il corpo.

Intanto, all'indomani dei funerali, torna a parlare la nonna di Crox, questo il soprannome del ragazzo. La donna interviene a proposito della proposta di posizionare nel parco una targa in memoria del nipote. «Si è visto che lì è un luogo di spaccio. Chiunque entri là dentro la vedrà. Spero che possa salvare la vita a tanti suoi coetanei», dice. La donna, in lacrime, ricorda poi il rapporto col nipote, arrivato in casa sua quando aveva tre anni e mezzo: «Non era ancora capace di scrivere, faceva i cuoricini e me li metteva sotto al cuscino. Diceva 'nonna, io morirei senza di te».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Thomas Luciani, al setaccio gli smartphone del branco
IlPescara è in caricamento