rotate-mobile
Cronaca

Ospedale Penne: sit in alla sede della Regione di Pescara

Sit in di protesta dei sindaci di Penne e Loreto Aprutino e dei sindacalisti della Fials in viale Bovio davanti alla sede pescarese della Regione contro la decisione di chiudere fino al 27 agosto il reparto materno-infantile del'ospedale di penne

Così come i sindacati avevano promesso quando sono stati chiusi il reparto nascite, la Pediatria, l’Ostetricia e la Neonatologia dell'ospedale di Penne, oggi si sta svolgendo un sit in di protesta davanti alla sede pescarese della Regione.

Partecipano i sindaci di Penne e Loreto Aprutino e dei sindacalisti della Fials che si sono ritrovati in viale Bovio per chiedere la revoca immediata del provvedimento che prevede la chiusura dal 10 al 27 agosto del reparto materno-infantile del'ospedale di penne.

Il provvedimento è stato preso dal Direttore Sanitario del presidio ospedaliero, Valerio Cortesi, per “problemi tecnico-organizzativi”.

I sindaci di Penne e Loreto Aprutino, Donato Di Marcoberardino e Bruno Passeri, chiedono all'assessore Venturoni che sia garantito "un maggiore funzionamento di tutta la sanità vestina".

  Distretti e ospedali non possono funzionare solo quando sono disponibili i medici  
Ha sottolineato il sindaco Passeri: "Distretti e ospedali non possono funzionare solo quando sono disponibili i medici. L'assessore Venturoni, in occasione di una sua visita a Penne, ci aveva assicurato che l'ospedale non solo non sarebbe stato toccato, ma addirittura che sarebbe stato potenziato. La chiusura del reparto materno infantile ora non è certamente la migliore risposta che si potesse dare".

Il sindaco di Penne, da parte sua, si è detto preoccupato anche per la paventata chiusura del reparto otorino-oculistico. Per Gabriele Pasqualone, rappresentante della Fials e consigliere comunale a Penne, occorre l'intervento immediato delle istituzioni in quanto la chiusura del punto nascita "porterà danni a tutta la zona vestina" e soprattutto metterà in pericolo la salute delle mamme che devono partorire, costrette a recarsi in altri ospedali, distanti anche oltre un'ora. A detta di Pasqualone, inoltre, la struttura non poteva essere chiusa, essendo inserita nelle liste dei Lea.

In attesa di parlare con Venturoni, al momento amministratori comunali e sindacalisti stanno incontrando, presso la sede pescarese della Regione, la presidente della Commissione regionale Sanità, Nicoletta Verì.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale Penne: sit in alla sede della Regione di Pescara

IlPescara è in caricamento