menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale Penne: sit in alla sede della Regione di Pescara

Sit in di protesta dei sindaci di Penne e Loreto Aprutino e dei sindacalisti della Fials in viale Bovio davanti alla sede pescarese della Regione contro la decisione di chiudere fino al 27 agosto il reparto materno-infantile del'ospedale di penne

Così come i sindacati avevano promesso quando sono stati chiusi il reparto nascite, la Pediatria, l’Ostetricia e la Neonatologia dell'ospedale di Penne, oggi si sta svolgendo un sit in di protesta davanti alla sede pescarese della Regione.

Partecipano i sindaci di Penne e Loreto Aprutino e dei sindacalisti della Fials che si sono ritrovati in viale Bovio per chiedere la revoca immediata del provvedimento che prevede la chiusura dal 10 al 27 agosto del reparto materno-infantile del'ospedale di penne.

Il provvedimento è stato preso dal Direttore Sanitario del presidio ospedaliero, Valerio Cortesi, per “problemi tecnico-organizzativi”.

I sindaci di Penne e Loreto Aprutino, Donato Di Marcoberardino e Bruno Passeri, chiedono all'assessore Venturoni che sia garantito "un maggiore funzionamento di tutta la sanità vestina".

  Distretti e ospedali non possono funzionare solo quando sono disponibili i medici  
Ha sottolineato il sindaco Passeri: "Distretti e ospedali non possono funzionare solo quando sono disponibili i medici. L'assessore Venturoni, in occasione di una sua visita a Penne, ci aveva assicurato che l'ospedale non solo non sarebbe stato toccato, ma addirittura che sarebbe stato potenziato. La chiusura del reparto materno infantile ora non è certamente la migliore risposta che si potesse dare".

Il sindaco di Penne, da parte sua, si è detto preoccupato anche per la paventata chiusura del reparto otorino-oculistico. Per Gabriele Pasqualone, rappresentante della Fials e consigliere comunale a Penne, occorre l'intervento immediato delle istituzioni in quanto la chiusura del punto nascita "porterà danni a tutta la zona vestina" e soprattutto metterà in pericolo la salute delle mamme che devono partorire, costrette a recarsi in altri ospedali, distanti anche oltre un'ora. A detta di Pasqualone, inoltre, la struttura non poteva essere chiusa, essendo inserita nelle liste dei Lea.

In attesa di parlare con Venturoni, al momento amministratori comunali e sindacalisti stanno incontrando, presso la sede pescarese della Regione, la presidente della Commissione regionale Sanità, Nicoletta Verì.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento