rotate-mobile
Cronaca

Sicurezza e terrorismo, vertice in Prefettura: "Situazione sotto controllo"

Si è tenuto ieri in Prefettura un vertice fra le Forze dell'Ordine, il Prefetto e l'amministrazione comunale relativo alla questione sicurezza dopo la telefonata anonima di due giorni fa e le aggressioni avvenute in Comune

Un vertice in Prefettura, per discutere della questione sicurezza a Pescara, a seguito della telefonata anonima di due giorni fa riguardante presunti possibili attentati nelle scuole cittadine e dopo le due aggressioni subite da due assessori in Comune.

Presenti, oltre al prefetto D'Antuono, il Questore Passamonti, il comandante provinciale dei carabinieri Piccinelli, il comandante provinciale della Guardia di Finanza Mora, il comandante provinciale della Forestale Macino.

Al tavolo era presente anche l'assessore Sulpizio, che ha esposto i fatti relativi proprio alle due aggressioni di cui lo stesso assessore è stato anche vittima. Durante la riunione, è emerso che il territorio non è a rischio, e che comunque saranno rafforzate le misure di vigilanza soprattutto nei pressi degli obiettivi sensibili come le scuole.

Ricordiamo che la telefonata anonima ricevuta dalla Guardia di Finanza di Campobasso due giorni fa, ad opera di un ignoto uomo dall'accento straniero, parlava di possibili attentati nelle scuole primarie di Pescara, Vasto e Chieti. Gli inquirenti per ora sono propensi per la tesi del mitomane.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza e terrorismo, vertice in Prefettura: "Situazione sotto controllo"

IlPescara è in caricamento