rotate-mobile
Cronaca

Sicurezza Stradale, sindacato Siulp: "Gravi problemi di vigilanza sulle strade abruzzesi"

Il Siulp, sindacato di Polizia, torna sulla questione sicurezza sulle strade abruzzesi, chiedendo nuovamente di risolvere il problema della carenza di sorveglianza sulle strade urbane ed extraurbane

Il SIULP torna a criticare le scelte dell’organizzazione del lavoro operate dal Dirigente della Polizia Stradale in Abruzzo.

"La sola preoccupazione del responsabile dei servizi di polizia stradale sulle strade abruzzesi, sembra essere quella di intensificare la vigilanza sulle tratte autostradali A24, A25 e A14, trascurando, invece, la sicurezza di tutti quei cittadini che, non pagando il servizio offerto dalle Società per Azioni “Autostrade per l'Italia” e “Strada dei Parchi”, utilizzano la viabilità ordinaria.

Il SIULP è sempre stato critico nei confronti dell'Amministrazione, allorquando, per rispettare un contratto sottoscritto con delle Società per Azioni concessionarie delle tratte autostradali, distoglie le pattuglie dalla viabilità urbana ed extraurbana, esponendo a riscontrato rischio di incolumità e di vita, centinaia di migliaia di cittadini. Sul punto, gli ultimi dati diramati dall’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), risultano inappellabili. Nell’anno 2013, sulle strade italiane si sono registrati 181.277 incidenti, di cui il 94,97% sulle strade urbane ed extraurbane (171.960), ed il 5,1 % sulle autostrade.

La nostra preoccupazione pertanto va al fatto che, di fronte a questi dati, osservatori in mala fede, che diversamente da noi non credono nell’assoluta buona fede e nella professionalità degli operatori della Pubblica Sicurezza, potrebbero pensare che sulle strade urbane ed extra urbane si sacrifica la vita di uomini donne e bambini, a favore di altro. Apprendiamo dalle motivazioni addotte dal Dott. LA FORTEZZA, che replica sull’argomento alla precedente segnalazione del SIULP, non con una lettera di riscontro al Sindacato, ma con una “lettera al Direttore” della testata “Il Centro” pubblicato lo scorso 8 aprile, che il dispositivo da egli adottato quale Dirigente del Compartimento Polizia Stradale non ha intenzione di prendere in considerazione la vera emergenza della circolazione stradale, ossia quella della viabilità ordinaria, dove, durante le festività di Pasqua, come previsto e prevedibile, si sono verificati gli incidenti più numerosi e più gravi, purtroppo anche mortali."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza Stradale, sindacato Siulp: "Gravi problemi di vigilanza sulle strade abruzzesi"

IlPescara è in caricamento