Cronaca Fontanelle / Via Caduti per Servizio

Sfratti a Fontanelle: sotto sequestro anche auto e scooter

Durante il blitz condotto questa mattina in via Caduti per Servizio, a Fontanelle, sono state sequestrate anche alcune auto prive di assicurazione ed alcuni scooter abbandonati. Gli sfratti continueranno nelle prossime settimane

Durante il blitz condotto questa mattina in via Caduti per Servizio, a Fontanelle, sono state sequestrate anche alcune auto prive di assicurazione ed alcuni scooter abbandonati.

Gli agenti della Polizia Municipale, assieme alle Forze dell'Ordine, ai vigili del fuoco ed al personale Asl, hanno sgomberato degli alloggi occupati abusivamente da quattro famiglie. Gli appartamenti sono stati subito dissequestrati  emessi a disposizione dell'Ater che ha provveduto alla regolare riassegnazione.

Quindici le auto sequestrate che erano parcheggiate in strada senza la copertura assicurativa, 5 gli scooter abbandonati. Nelle prossime settimane, assicurano dal Comune, continueranno gli sfratti.

MASCIA E DEL TRECCO Il sindaco Mascia e l'assessore Del Trecco hanno fatto sapere che il blitz è iniziato alle 6,30 del mattino, quando le Forze dell'Ordine hanno bussato alle porte degli abusivi, tutti ubicati in appartamenti al numero 50. In un alloggio vivevano una madre, pare e minore, nel secondo una donna con due minori. Il terzo appartamento, al civico 51, era abitato da una signora con 4 minori, mentre l'ultimo, al civico 54, era avitato da una ragazza di 21 anni incinta per la terza volta con due figli a carico. La ragazza, essendo sola, è stata sistemata in una Casa Famiglia.

Intanto Fli ha chiesto la convocazione di un consiglio comunale straordinario riguardante il tema dell'ordine pubblico e della sicurezza in città.

CODICI L'asociazione Codici, che parla di un'operazione egregia, sottolinea come questa operazione rientri nei doveri della Pubblica Amministrazione, e non di un'azione straordinaria.

"Ma una domanda sorge comunque spontanea: perché solo oggi sono stati ripresi gli sfratti?
Sarà forse perché la lotta senza tregua della gente onesta con assemblee popolari, conferenze e manifestazioni avrà convinto qualcuno che forse era opportuno ripristinare ordine e lagalità?
Ora che il Comune ha dato questa ulteriore fattiva risposta chiediamo una cosa altrettanto utile che l’amministrazione può e deve fare: dotare Via caduti per Sevizio di un sistema di videosorveglianza" conclude l'associazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfratti a Fontanelle: sotto sequestro anche auto e scooter

IlPescara è in caricamento