rotate-mobile
Cronaca

Da settembre sequestrati 1.700 chili di vongole dalla guardia costiera [FOTO]

È ingente il quantitativo di vongole sottoposto a sequestro negli ultimi 5 mesi dal nucleo di polizia marittima della guardia costiera di Pescara

Dal mese di settembre 2023 il personale militare dipendente in forza al nucleo di polizia marittima della capitaneria di porto di Pescara, nell’intensificare le proprie attività di vigilanza, ha concentrato le proprie attenzioni sull’abusiva commercializzazione, successiva alla cattura, di prodotto ittico.
Importanti risultati sono così stati raggiunti.

Nello specifico, riguardo alla commercializzazione delle vongole, nel caso di specie “chamelea galina”, nostrani molluschi bivalvi che costituiscono un’interessante fetta di mercato nel panorama nazionale dei prodotti ittici.

L’attività d’indagine, posta in essere dai militari, spesso gravosa a causa della possibilità di sbarco del prodotto ittico, da parte degli operatori del settore, ricorrendo a modalità non convenzionali,  ha comunque permesso di operare, nel periodo compreso tra il mese di settembre 2023 sino a venerdì 23 febbraio, il sequestro di oltre 1.700 chilogrammi di prodotto ittico, sottratto a vario titolo a diversi soggetti nella quasi totalità dei casi nell’ambito portuale pescarese, generalmente rigettato in mare poiché vivo e vitale a ripopolamento delle aree di ripopolamento presenti in mare. Tra le principali violazioni contestate vi sono la pesca e la commercializzazione di prodotto ittico in quantità superiori a quelle autorizzate, per ciascuna specie, dalla normativa vigente, così come lo sbarco, il trasbordo e la commercializzazione di esemplari di taglia inferiore alla taglia minima di riferimento; comportamenti questi ultimi che, se tenuti su larga scala, sono i principali responsabili del progressivo depauperamento della risorsa ittica nazionale, causano gravi squilibri nell’ecosistema marino e contribuiscono alla crisi, in prospettiva di medio termine, di un importante settore produttivo nazionale quale quello della pesca.

L’attività di polizia effettuata dal personale militare dipendente, che è tuttora in corso di intensificazione e proseguirà senza soluzione di continuità, è anche posta in essere a tutela di tutti quegli operatori del settore ittico che compiono correttamente il loro lavoro per far giungere sulle nostre tavole un prodotto ittico conforme ai requisiti di provenienza e tracciabilità, i soli che possono assicurare le più adeguate condizioni di edibilità del prodotto da parte del consumatore finale. Le sanzioni ammnistrative contestate superano i 10mila euro e diversi sono stati gli attrezzi da pesca sequestrati. La norma violata contestata è riconducibile all’art. 10 comma 1 lett. E) del D.Lvo n. 04 del 09.01.2012 così come modificata dalla legge 154/2016 del 28.07.2016 alla quale si aggiungono le violazioni alle locali ordinanze a seconda del caso di specie. La norma sanzionatoria è invece quella di cui all’art. 11 comma 1 e art. 12 comma 1 lett. a) b) del D.Lvo n. 04 del 09.01.2012 così come modificati dalla Legge 154/2016 del 28.07.2016.

Sequestro vongole guardia costiera Pescara settembre 2023 febbraio 2024

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da settembre sequestrati 1.700 chili di vongole dalla guardia costiera [FOTO]

IlPescara è in caricamento