menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sequestro Porto Turistico di Francavilla: la soddisfazione di Legambiente e Wwf Abruzzo

Le associazioni ambientaliste Wwf Abruzzo e Legambiente esprimono la massima soddisfazione in merito al sequestro del cantiere per la realizzazione del Porto Turistico a Francavilla, nei pressi della foce dell'Alento. "Opera inutile e dannosa, da tempo avevamo segnalato come la zona fosse inquinata"

Legambiente Abruzzo ed il Wwf commentano con soddisfazione la decisione da parte della Procura di Chieti di sequestrare il cantiere del Porto Turistico di Francavilla , in costruzione nei pressi della foce dell'Alento.

Entrambe le associazioni sono soddisfatte per il provvedimento, e ricordano come, da tempo, erano stati presentati esposti e denunce alla magistratura contro la realizzazione del progetto.

"Avevamo informato preventivamente tutti gli enti competenti e le autorità dei rischi riguardanti la sabbia raccolta con gli scavi per il Porto Turistico, poi utilizzata per il ripascimento del litorale. Nessuno però aveva fatto nulla, e questo sequestro dimostra come ci sia un clima di estrema indifferenza, con la mancanza di controlli adeguati da parte degli enti pubblici" dichiara De Sanctis del Wwf.

"Il sequestro è un provvedimento estremo che blocca la realizzazione di un'opera inutile e pericolosa per l'ambiente. Da anni avevamo denunciato, con Goletta Verde, il pericolo di compiere lavori e movimenti della zona, a causa dell'inquinamento presente alla foce del fiume Alento. Invitiamo ora il Comune di Francavilla ad una corretta gestione e salvaguardia del territorio e delle risorse naturali" dichiara Legambiente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento