Aveva commesso reati anche in provincia di Pescara, sequestro antimafia da oltre mezzo milione di euro

Le indagini della Procura siracusana la quale, dopo aver vagliato "la pericolosità sociale del soggetto e la sproporzione reddituale dei beni" posseduti dall'uomo, ha avanzato la proposta di applicazione della misura patrimoniale prevista dal Codice antimafia

Un sequestro di beni per più di 500mila euro è stato eseguito dalla Guardia di Finanza di Siracusa nei confronti di un uomo di Noto appartenente alla comunità nomade dei "Camminanti". 
Le indagini della Procura siracusana la quale, dopo aver vagliato "la pericolosità sociale del soggetto e la sproporzione reddituale dei beni" posseduti dall'uomo, ha avanzato la proposta di applicazione della misura patrimoniale prevista dal Codice antimafia alla sezione Misure di prevenzione del tribunale di Catania.

Come riferisce l'AdnKronos, l'uomo ha precedenti per reati di vario genere commessi anche nella provincia di Pescara e in quelle di Imperia, Piacenza, Ferrara, Messina, Catania, Palermo, Caltanissetta, Agrigento e Siracusa. Sequestrati un terreno, cinque polizze, tre automezzi e quattro rapporti bancari, per un valore complessivo di 565mila euro. Un patrimonio, sconosciuto al fisco e, per gli investigatori, frutto di attività illecite, che l'uomo, senza fissa occupazione, sarebbe riuscito ad accumulare nell'arco di qualche anno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Codice antimafia, infatti, in presenza di specifici presupposti soggettivi e oggettivi consente di sequestrare, in vista della successiva confisca, i beni dei soggetti considerati 'socialmente pericolosi', che per condotta e tenore di vita e per l'accertata commissione di reati, si ritengono vivere abitualmente con i proventi di attività delittuose. Le Fiamme Gialle hanno dimostrato come i redditi percepiti dall'uomo per lo svolgimento saltuario dell'attività di bracciante agricolo non sarebbero stati sufficienti al sostentamento minimo del nucleo familiare, né tantomeno a giustificare gli acquisti e gli investimenti effettuati dall'interessato negli anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente in mare morde bagnino a una mano, intervengono i carabinieri forestali

  • Poliziotta pescarese morta in casa, era madre di due figli

  • Dramma a Cappelle sul Tavo: si toglie la vita dopo la morte del figlio in un incidente

  • Violazione delle norme anti Covid sulla riviera, ecco gli interventi della polizia di Pescara

  • Segue ed infastidisce una ragazza in pieno giorno a Villa Raspa di Spoltore: nuovo episodio di delirio per un giovane

  • Affidamento degli eventi del Comune: arresti domiciliari per Di Pietrantonio e gli ex assessori Cuzzi e Di Carlo

Torna su
IlPescara è in caricamento