Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Operazione “Low cost” sul commercio illegale di coralli, sequestrati 7 kg [FOTO]

Venivano venduti a un prezzo inferiore a quello certificato. Nello specifico, parliamo di pezzi di scheletro calcareo del Corallo distribuito in bustine come accessorio decorativo per acquari. Ecco tutti i dettagli

Si è conclusa l'operazione “Low cost” sul commercio illegale di coralli, con il sequestro di 7 kg di Corallo appartenente all’Ordine “Scleractinia” e venduto a un prezzo inferiore a quello certificato. Nello specifico, parliamo di pezzi di scheletro calcareo del Corallo distribuito in bustine come accessorio decorativo per acquari.

In azione i militari del Cites di stanza ai carabinieri forestali di Pescara, che da luglio a ottobre di quest’anno hanno svolto 25 controlli in vari esercizi commerciali della nostra regione.

I sequestri effettuati riguardano specie tutelate dalla Convenzione Internazionale sul Commercio delle Specie di Flora e di Fauna a rischio estinzione. Inoltre sono state denunciate 5 persone di nazionalità cinese, titolari di altrettanti negozi specializzati nella vendita di materiale per acquari.

Sequestri coralli 2-2

Il reato a loro contestato è detenzione e offerta in vendita di Corallo tutelato dalla Convenzione di Washington, in assenza di specifica documentazione Cites che ne attestasse la regolare acquisizione.

Ecco cosa ha dichiarato Giampiero Costantini, Comandante dei carabinieri forestali di Pescara:

“Il commercio illegale dei Coralli tutelati dalla Convenzione di Washington, siglata negli Stati Uniti nel 1973, accresce la pressione antropica su queste specie già sottoposte agli effetti negativi dei cambiamenti climatici (riscaldamento e innalzamento degli oceani) e al rischio di estinzione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione “Low cost” sul commercio illegale di coralli, sequestrati 7 kg [FOTO]

IlPescara è in caricamento