Cronaca

Sciopero degli studenti in città contro la Riforma Gelmini

In piazza per manifestare contro i tagli alla scuola pubblica. Si sono dati appuntamento a Piazza Salotto, cuore della gioventù pescarese, gli stuenti per una protesta pacifica ma molto sentita

Mille ragazzi, tra studenti universitari e liceali, questa mattina, nella giornata internazionale della mobiliazione studentesca, hanno manifestato a Pescara contro i tagli alla scuola previsti dalla riforma Gelmini. Il corteo, partito da piazza Salotto, intorno alle 8.30, si è snodato lungo le principali vie della città paralizzando il traffico per cira 3 ore.

E' stata un'invasione studentesca colorata e vivaczata da cori e striscioni. "La riforma Gelmini - hanno deto alcuni studenti- taglia i fondi alla scuola pubblica e aumenta i finanziamenti a quella privata. Sei milioni di euro al mese per portarea avanti la guerra in Afghanistan e non si pensa all'istruzione dei giovani itliani". Anche a L'Aquila circa mille, tra studenti delle scuole superiori, universitari e precari e addetti alle mense, hanno protestato, di fronte alla sed della Giunta rgionale, contro la riforma del ministro Gelmini e contro le politiche della Regione Abruzzo sul diritto allo studio.

Qualche giorno fa anche l'Università D'Annunzio di Pescara/Chieti aveva fatto sentire la sua voce, con l'approvazione da parte del Senato Accademico di un documento presentato dall'associazione studentesca 360 gradi contro la riforma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero degli studenti in città contro la Riforma Gelmini

IlPescara è in caricamento