Scandalo appalti Asl, assolti tutti gli imputati

Tutti assolti in primo grado gli imputati del processo riguardante lo scandalo sugli appalti gonfiati per la ristrutturazione del reparto materno infantile dell'ospedale di Pescara. Nel 2010 furono arrestate cinque persone

Tutti assolti gli imputati nel processo riguardante i presunti appalti gonfiati per la ristrutturazione del reparto materno infantile dell'ospedale di Pescara.

Il tribunale di Pescara infatti ha stabilito che " il fatto non sussiste". Nel 2010 erano finiti agli arresti il funzionario della Asl e responsabile unico del procedimento Franco D'Intino, dell'imprenditore foggiano Giulio Piancone, del responsabile del cantiere Giacomo Piscitelli e dei due direttori dei lavori Alfonso Colliva e Damiana Bugiani, accusati a vario titolo di corruzione, truffa, falso e abuso. A processo anche i professionisti Lorenzo Camplone e Rosalia Di Matteo.

La Procura aveva chiesto condanne dai 3 anni e 4 mesi ai 4 anni ed 8 mesi per gli imputati, mentre per i due professionisti aveva chiesto 8 mesi.

Secondo l'accusa l'importo iniziale dei lavori sarebbe lievitato da 3 a 7 milioni di euro attraverso una perizia di variante, in cambio di favori e lavori a titolo personale per D'Intino.

.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • A "L'ingrediente perfetto" su La7 Roberta Capua prepara gli arrosticini in padella con burro e salvia [FOTO - VIDEO]

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

Torna su
IlPescara è in caricamento