Cronaca

Morto suicida in carcere Sabatino Trotta, il dirigente della Asl era stato arrestato per presunta corruzione

Il dirigente del dipartimento di Salute Mentale della Asl di Pescara era stato tratto in arresto ieri dalla guardia di finanza per un appalto da 11 milioni considerato pilotato insieme ad altre 2 persone

foto Facebook

Sabatino Trotta è morto suicida nel carcere di Vasto nel corso della notte scorsa, come riferisce "Il Centro".
Il responsabile del dipartimento di Salute Mentale della Asl di Pescara era stato arrestato ieri mattina, mercoledì 7 aprile, dai militari della guardia di finanza.

Trotta era finito in carcere su disposizione del Gip Nicola Colantonio come richiesto dalla Procura della Repubblica per la presunta gara pilotata per la gestione di residenze psichiatriche extra ospedaliere, del valore complessivo di oltre 11,3 milioni di euro.

Con lui sono stati arrestati anche il responsabile legale e la coordinatrice della cooperativa "La Rondine". Trotta aveva 55 anni ed era di Castiglione a Casauria. Era residente a Spoltore ed è morto nonostante i soccorsi della polizia penitenziaria e degli operatori del 118. Trotta si è impiccato, come riferisce Ansa Abruzzo e come conferma il procuratore capo di Vasto, Giampiero Di Florio.
Alle ultime elezioni regionali si era candidato con Fratelli d'Italia. Del fatto è stata informata la Procura di Vasto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto suicida in carcere Sabatino Trotta, il dirigente della Asl era stato arrestato per presunta corruzione

IlPescara è in caricamento