menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si rompe una delle elettropompe della golena, scatta il divieto di balneazione

Lo stop, che è stato deciso dopo uno sversamento nel fiume, durerà 48 ore. Intanto il danno è stato riparato in 20 minuti. Alessandini: "Questa è una situazione che va chiarita e sarà affrontata al più presto"

Un corto circuito, questa mattina alle 5, ha messo fuori servizio una delle elettropompe della golena a Pescara, causando il blocco dell'impianto di sollevamento e determinando uno sversamento nel fiume. Il danno è stato riparato in 20 minuti. In seguito all'incidente il sindaco Marco Alessandrini ha disposto un divieto temporaneo di balneazione.

"Appena ricevuta la comunicazione dell'Aca circa il mancato funzionamento presso uno degli impianti più rilevanti - spiega l'assessore al Demanio Enzo Del Vecchio - il sindaco ha attivato le strutture competenti per l'emissione dell'ordinanza di divieto temporaneo di balneazione di 48 ore che, come da prassi, viene notificata agli stabilimenti balneari tramite la Polizia Municipale. Il tutto accade mentre il servizio manutenzione si sta organizzando per l'apposizione dei relativi cartelli di divieto di balneazione nel tratto di spiaggia relativo ai punti di campionamento di via Muzii e via Galilei".

"Una prassi che scatta da parte dell'Ente - evidenziano dal Municipio - in casi come questo, anche se va chiarita con i vertici Aca la situazione per cui il mancato funzionamento di una pompa abbia causato effetti sull'intero sistema".

"La criticità comunicataci alle ore 9 di stamani pone interrogativi sull'organizzazione e funzionalità dell'intero sistema di gestione delle acque reflue - aggiunge il sindaco Alessandrini - Nel caso di specie, il mancato funzionamento di una delle elettropompe di sollevamento di un impianto di così rilevante come l'IS5, dove si è verificato il guasto, ha mandato in tilt l'intero sistema, che pure è dotato di più elettropompe, determinando lo sversamento di reflui per circa 20 minuti. Questa è una situazione che va chiarita e sarà affrontata al più presto con i vertici dell'Aca, ribadendo che l'efficienza di un'azienda, specie se pubblica, non si misura solo in termini di risparmi di bilancio, ma va calibrata anche su come tali risparmi vengono impiegati per garantire la funzionalità piena e costante di impianti così determinanti per la città e il suo ecosistema".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento