Cronaca

Roberto Straccia: morte per annegamento?

La presenza di acqua nei polmoni di Roberto Straccia, trovato morto a Bari sabato scorso, lascia pensare ad una morte per annegamento, anche se ora dovranno essere valutati alti parametri tipici per questo genere di decesso

La presenza di acqua nei polmoni di Roberto Straccia, trovato morto a Bari sabato scorso, lascia pensare ad una morte per annegamento, anche se ora dovranno essere valutati alti parametri tipici per questo genere di decesso.

Ricordiamo che gli atti dell'autopsia sono stati secretati dalla Procura di Bari, e quindi questa è l'unica informazione trapelata dopo l'analisi clinica di ieri.

Ora si dovrà stabilire se nel fegato e nei reni del cadavere ci sono alcune alghe e lo stato di diluizione del sangue, per confermare l'ipotesi dell'annegamento.

Inoltre sul cadavere, completamente sfigurato a causa della permanenza in mare molto prolungata, non sono state trovate ferite riconducibili ad una morte violenta, anche se teoricamente Roberto, come dichiarato anche da un testimone ieri sera a Chi l'ha Visto?, potrebbe essere stato spinto in mare da qualcuno senza lasciare quindi tracce evidenti.

Per i risultati occorreranno diverse settimane.

TUTTO SU ROBERTO STRACCIA

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roberto Straccia: morte per annegamento?

IlPescara è in caricamento