menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Respinta dal gip la richiesta di revoca degli arresti domiciliari per l'ex assessore Cuzzi

Il gip Elio Bongrazio, dopo avere raccolto il parere negativo del pm Sciarretta, ha negato la revoca della misura cautelare al politico pescarese

No alla revoca degli arresti domiciliari per Giacomo Cuzzi, l'ex assessore comunale di Pescara arrestato lo scorso 9 luglio nell'ambito dell'inchiesta della guardia di finanza sui grandi eventi al Comune durante il mandato dell'ex giunta Alessandrini. Il gip Bongrazio, che ha raccolto il parere negativo del pm Sciarretta, ha negato la richiesta avanzata dai legali del politico, gli avvocati Gianfranco Iadecola e Nicola Lotti.

CUZZI PARLA 2 ORE CON GLI INQUIRENTI E RESPINGE LE ACCUSE

Per il giudice, Cuzzi non si è dimesso dalla carica di consigliere e nonostante gli effetti della sospensione comminatagli dal Prefetto, è ancora nelle condizioni di favorire, anche tramite funzionari in Comune, interessi illeciti di imprenditori che desiderano avere rapporti di natura economica con l'ente. Non sono dunque venuti meno i presupposti che portarono all'esecuzione della misura cautelari domiciliari. Gli avvocati degli altri 4 indagati, ovvero l'ex assessore Di Carlo, l'esponente Pd Di Pietrantonio e gli imprenditori Cipolla e Cristian Summa, nella giornata di oggi hanno presentato istanza di revoca delle misure cautelari al tribunale del riesame alle quali si aggiunge anche la richiesta degli stessi avvocati di Cuzzi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento