menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina alle poste di Montesilvano, 2 arresti: feriti un carabiniere ed un rapinatore

Hanno aspettato l'apertura mattutina per entrare nell'ufficio postale minacciando i dipendenti per farsi aprire le casseforti. Il colpo però è fallito, e così sono fuggiti ma sono stati intercettati ed arrestati dai carabinieri. Due i feriti

Momenti di paura questa mattina a Montesilvano, lungo Corso Umberto nei pressi delle Poste Centrali.

Due malviventi, pregiudicati e già arrestati per altre rapine sul territorio, sono finiti in manette a seguito di un colpo messo a segno alle 8. Durante l'inseguimento e le colluttazioni, sono rimasti feriti un carabiniere ed uno dei rapinatori. Il militare se l'è cavata con una caviglia fratturata, mentre il 41enne Pafumi Massimiliano originario di Catania, è rimasto ferito da due colpi di mitra sparati accidentalmente dall'arma in dotazione di uno dei carabinieri. I colpi sono partiti durante una colluttazione. Non è in pericolo di vita, ed ora è in sala operatoria a Pescara per la rimozione dei proiettili che l'hanno raggiunto ad una gamba e ad un braccio.

LA DINAMICA I due delinquenti sono entrati dall'ingresso posteriore dell'ufficio postale alle 8, quando dentro c'erano solo i dipendenti. Li hanno minacciati con una pistola ed un taglierino, convinti di poter accedere alle casseforti programmate. In realtà, l'orario di apertura non era quello e quindi presi dal panico, sono fuggiti a bordo di una Station Wagon rubata questa mattina a Montesilvano. Nel frattempo sul posto sono arrivati i carabinieri, che li hanno rintracciati a meno di 100 metri dall'ufficio postale. Dopo un breve inseguimento, i due si sono schiantati con l'auto contro una rotatoria. A quel punto sono fuggiti a piedi imboccando una strada chiusa. La gazzella li ha bloccati ma uno di loro è riuscito a scavalcarla mentre l'altro, il Pafumi, è stato fermato da un carabiniere che lo ha bloccato saltandogli addosso. Da lì la colluttazione che ha portato al ferimento del militare e del pregiudicato. L'arma usata dall'arrestato era una pistola ad aria compressa, senza tappo rosso, simile alle armi in dotazione ai carabinieri.

Sul posto sono arrivate diverse auto della Polizia e dei carabinieri per bloccare l'altro rapinatore, Mario Giorgetti classe 1978 pregiudicato di Catania.. E' stato fermato da una pattuglia del Reparto Prevenzione Crimine. Si era anche cambiato d'abito ed aveva gettato in una scarpata un'altra pistola.

I due il 26 gennaio 2013 e il 2 febbraio avevano messo a segno tre rapine fra Montesilvano, Pescara e Francavilla con le stesse modalità terminate sempre con inseguimenti in strada.

Gli arrestati avevano già preparato un'auto "pulita", presa a noleggio a Bolzano, per proseguire la fuga.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Attenzione al razzo cinese: l'ironia corre sul web [FOTO]

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento