Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Aggredì e rapinò due persone, arrestato dalla polizia

In manette è finito un 39enne rumeno, già noto alle forze dell'ordine, mentre si cerca attivamente il complice: le loro vittime sono due cittadini nigeriani, derubati in piazza della Repubblica lo scorso 26 giugno

Un rumeno di 39 anni, A.T., da tempo residente a Pescara e con diversi precedenti per reati contro il patrimonio, è stato arrestato dalla Squadra Mobile del capoluogo adriatico per concorso in rapina e lesioni volontarie aggravate. Gli agenti l'hanno scovato in un appartamento vicino allo stadio. Si cerca adesso il suo complice, un 24enne albanese già noto alle forze dell’ordine per essere stato coinvolto in vicende di sfruttamento della prostituzione.

L'uomo è finito in manette perché il 26 giugno scorso, in piazza della Repubblica, aveva aggredito e derubato, in 2 distinte occasioni, due cittadini nigeriani (un 30enne domiciliato a Silvi e un 36enne residente a San Giovanni Teatino), mandandoli al pronto soccorso. Entrambe le rapine, come detto, erano state messe a segno da A.T. insieme a un 24enne albanese.

Grazie ad alcuni particolari forniti dalle vittime, la polizia è riuscita a risalire all'auto usata dai malviventi e, da qui, alla loro identità. Ieri la Squadra Mobile ha dato esecuzione al provvedimento restrittivo, arrestando A.T., mentre il compagno, non ancora rintracciato, è attivamente ricercato: non si escludono sviluppi nei prossimi giorni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredì e rapinò due persone, arrestato dalla polizia

IlPescara è in caricamento