Rapina e spari in pieno centro a Pescara

Ieri pomeriggio il centro di Pescara ha vissuto momenti di paura e tensione. Alcuni criminali hanno preso in ostaggio i titolari di una gioielleria di Corso Vittorio Emanuele. I rapinatori hanno sparato contro la Polizia tra la folla. Si tratta di due pugliesi ed un napoletano

Il primo sabato pomeriggio di luglio a Pescara si è trasformato, per alcuni minuti, in un incubo.

In pieno centro, all'altezza del civico 211 di Corso Vittorio Emanuele, tre rapinatori, due pugliesi ed un napoletano, hanno preso in ostaggio per alcuni minuti i titolari della gioielleria Montalbano e la madre di uno di loro di 80 anni.

Uno dei malviventi è entrato nella gioielleria con la scusa di voler comprare un anello, ma poco dopo sono arrivati anche i due complici. In pochi secondi sono spuntate le armi, tre pistole, con le quali hanno minacciato il titolare e l'anziana suocera. "Dateci tutto, vi vogliamo bene" avrebbero detto.

La moglie del titolare, però, ha mantenuto la calma ed è riuscita ad allertare la Polizia, che in pochi secondi era sul posto, grazie al rafforzamento delle pattuglie per i Giochi del Mediterraneo.

Presi dal panico, dopo aver visto gli agenti che li avevano circondati intorno all'ingresso della gioielleria, i malviventi hanno sparato alcuni colpi verso l'esterno, in direzione degli agenti e della folla presente sul posto. Per fortuna i colpi si sono fermati nei vetri blindati del negozio.

La Polizia ha comunque tentato l'irruzione nella gioielleria, dove i rapinatori sono stati fermati ed arrestati davanti agli applausi della gente.

Si tratta di Massimo D'Onofrio di Napoli, e dei fratelli Enrico e Paolo Grassi, pugliesi. Ora sono accusati di rapina, sequestro di persona, tentato omicidio. Uno di loro era anche evaso dal carcere di Taranto dopo un permesso premio.

Grande lo spavento degli ostaggi, che per fortuna sono usciti illesi da questo grave episodio che avrebbe potuto trasformarsi in una tragedia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Marta Citriniti, studentessa del liceo Galilei di Pescara, nella nazionale italiana di dibattito regolamentato (Debate)

Torna su
IlPescara è in caricamento