Non fanno entrare la fidanzata nel pronto soccorso per le norme Covid e lui tira un pugno sfondando una vetrata

Ma la sua reazione sarebbe stata sconsiderata con il giovane che ha urlato contro medici e infermieri offendendoli e minacciandoli e poi tirando calci e pugni

Quando è arrivato nel pronto soccorso dell'ospedale di Pescara nella notte tra mercoledì e giovedì uno degli infermieri ha provato a spiegargli che l'accesso era consentito solo a lui e non anche alla sua fidanzata per il rispetto delle normative anti contagio da Covid-19 (Coronavirus).
Ma la sua reazione sarebbe stata sconsiderata con il giovane che ha urlato contro medici e infermieri offendendoli e minacciandoli e poi tirando pugni.

Fino a sfondare una vetrata del box triage.

Una violenza tale che ha richiesto l'intervento della polizia con gli agenti della squadra volante che, dopo aver riportato la calma, hanno denunciato il giovane per danneggiamento. In precedenza erano già intervenuti gli addetti alla sicurezza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Marta Citriniti, studentessa del liceo Galilei di Pescara, nella nazionale italiana di dibattito regolamentato (Debate)

Torna su
IlPescara è in caricamento