menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso meningite, riaperto il Qube Club dopo la sanificazione del locale

A farlo sapere sono gli stessi gestori che hanno pubblicato un post sulla pagina Facebook del Qube Club

Il circolo Qube Club di via dei Peligni a Pescara, finito al centro dell'attenzione in quanto ultimo locale nel quale è stato Andrea Montebello, il giovane di 21 anni di Città Sant'Angelo stroncato da una meningite fulminante, da ieri sera, venerdì 3 maggio, è stato regolarmente riaperto.
A farlo sapere sono gli stessi gestori che hanno pubblicato un post sulla pagina Facebook del Qube Club.

Questo quanto pubblicato ieri sul profilo del locale:

«A seguito delle verifiche appena concluse da parte dell'Asl di Pescara e i Nas, dopo la procedura di igienizzazione e sanificazione effettuata nel circolo, nonostante ribadiamo che il nostro circolo non ha nulla a che vedere con la proliferazione del batterio responsabile della meningite, il Qube Club risulta perfettamente in regola con le normative igienico-sanitarie, pertanto il club sarà regolarmente aperto».

Due giorni prima, sempre tramite la pagina Facebook, i gestori del locale avevano voluto fare chiarezza sulla vicenda:

«Dopo aver subito, in queste ore, un ingiustificato attacco mediatico, ci troviamo costretti, nonostante il dolore ancora forte dovuto alla scomparsa di Andrea, a fare chiarezza sulla reale situazione del nostro club, in base esclusivamente ai dettami che l'Azienda Sanitaria Locale ci ha fornito: è stata eseguita la profilassi di sanificazione del circolo Qube, nonostante il batterio abbia un ciclo di vita di pochissime ore e domani le autorità competenti torneranno per verificare il corretto procedimento; in alcun modo il circolo Qube può essere coinvolto nella proliferazione del batterio responsabile della meningite; il personale e i soci presenti sabato 27 aprile sono stati tutti sottoposti alla profilassi che abbatte del 100% il rischio di contagio; diffidiamo chiunque a divulgare interpretazioni personali e prive di fondamento scientifico sulla vicenda, come è accaduto in questi giorni, anche su testate nazionali e regionali, e sui social. Ancora una volta tutta l'Associazione Blackbox si stringe ai familiari, agli amici, ed ai conoscenti di Andrea per questa immatura ed ingiusta scomparsa». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

  • Cura della persona

    Soap brows: come ottenere le sopracciglia “insaponate”

  • Salute

    Cos’è la stanchezza primaverile e come combatterla

Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento