menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Personale ridotto al carcere di Pescara, sale la protesta della polizia penitenziaria [VIDEO]

Il sit-in davanti all'ingresso della casa circondariale di Pescara. Le forze sindacali a tutela dei lavoratori ma anche dei detenuti

Aggressioni, postazioni di servizio automatizzate e non funzionanti, aumento delle ore di lavoro e sovraffollamento dei reclusi.
Sono tante le situazioni di disagio che il personale in servizio nel carcere di Pescara deve affrontare quotidianamente.

Oggi, venerdì 24 maggio, davanti all'ingresso del penitenziario, c'è stata una nuova vibrante protesta indirizzata al Provveditorato Abruzzo Molise.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è la reintroduzione dei turni di 8 ore di lavoro, due in più rispetto a quanto stabilito dal contratto. Una decisione che si è resa necessaria vista la riduzione del personale di polizia penitenziaria.
Le maggiori difficoltà sono legate alla gestione quotidiana che gli agenti hanno con i detenuti, in netta maggioranza e sempre più incattiviti dalle costrizioni dovute alla loro straripante presenza negli spazi angusti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento