Cronaca

Racket della prostituzione: sgominate a Pescara cinque bande criminali, 11 arresti

Nuova importante operazione della Squadra Mobile di Pescara che ha eseguito 11 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di alcuni criminali albanesi e romeni appartenenti a bande che gestivano il mercato delle lucciole stradale

Cinque bande di criminali albanesi e romeni che gestivano l'intero mercato della prostituzione stradale in città, spartendosi le zone con accordi per non farsi concorrenza. La Squadra Mobile di Pescara, diretta dal dott. Muriana, ha arrestato 11 persone nell'ambito di un'operazione riguardante il racket delle lucciole in città.

Le bande si erano divise il territorio fra zona centrale, pineta dannunziana e stazione dove venivano fatte prostituire donne e ragazze per incassi di centinaia di migliaia di euro al mese. L'operazione è partita a fine 2016 su segnalazione del comitato dei residenti della zona del centro che da tempo protestano per la presenza delle prostitute anche in orari pomeridiani. Individuata anche una prostituta italiana di 35 anni che lavorava nella zona vicino alla stazione centrale affetta da Hiv ed Epatite C, che avrebbe dunque potuto infettare diversi clienti. La Polizia invita tutti coloro che sono in possesso di informazioni al riguardo a rivolgersi agli uffici della Questura dove sarà garantito il massimo anonimato.

I NOMI, LE FOTO E IL VIDEO DELL'OPERAZIONE

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Racket della prostituzione: sgominate a Pescara cinque bande criminali, 11 arresti

IlPescara è in caricamento