rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca

Processo lady Bmw: sentenza Cassazione, Barretta in carcere

Dopo il pronunciamento della Cassazione, per il proprietario della country house "Rifugio Valle Grande" di Pescosansonesco sono scattate le manette e si sono aperte le porte del carcere

Dopo il pronunciamento della Cassazione per Ernani Barretta, proprietario della country house "Rifugio Valle Grande" di Pescosansonesco, condannato per aver ricattato donne facoltose tedesche, tra cui Susanne Klatten, una delle maggiori azioniste della BMW, sono scattate le manette e si sono aperte le porte del carcere di San Donato, a Pescara.

L'ordine di carcerazione, che e' stato eseguito dalla polizia, e' stato emesso dalla Procura della Repubblica di Pescara a seguito del pronunciamento definitivo della Cassazione che ha condannato Barretta a 4 anni, 1 mese e 25 giorni di reclusione per tentata estorsione aggravata. Per il reato di truffa aggravata e' stata invece dichiarata la prescrizione, mentre e' stato confermato il risarcimento di circa 7 milioni di euro a Susanne Klatten e di oltre due milioni di euro e circa 400mila euro alle altre due vittime.

Per questa vicenda Barretta era stato condannato in primo grado dal Tribunale collegiale di Pescara e poi dalla Corte d'Appello dell'Aquila a sette anni e sei mesi e al risarcimento delle vittime. Secondo l'accusa, il gigolo' svizzero Helg Sgarbi, che per questa storia e' stato condannato in Germania a sei anni di carcere, agganciava le donne, Barretta invece filmava i rapporti sessuali.

I fatti sono avvenuti nel 2007 e 2008 a Monaco di Baviera. Ad occuparsi delle indagini sono state la Squadra Mobile di Pescara e il pm del Tribunale di Pescara, Gennaro Varone.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo lady Bmw: sentenza Cassazione, Barretta in carcere

IlPescara è in caricamento