menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pini tagliati in via Regina Margherita, gli ambientalisti chiedono un sopralluogo con l'assessore

Gli ambientalisti del Forum H20 Abruzzo chiedono un incontro con l'assessore Di Pietro per eseguire un sopralluogo in via Regina Margherita, al fine di valutare caso per caso la questione di pini non ancora abbattuti

Un incontro - sopralluogo assieme all'assessore Di Pietro, al fine di verificare di persona caso per caso, assieme ad esperti e tecnici, lo stato di salute e la reale pericolosità dei pini ancora intatti lungo viale Regina Margherita.

A parlare è Loredana di Paola, a nome del Forum H20 degli ambientalisti abruzzesi. Secondo il Forum, la procedura per arrivare al taglio degli alberi sarebbe stata troppo rapida, considerando anche le conclusioni poste nella relazione dall'agronomo Rabottini.

"Lo affermiamo a ragion veduta dopo sopralluogo congiunto fatto il 5 aprile scorso (giorno della mobilitazione) con il tecnico del comune (dott. Caudullo), l'esperto incaricato dal Comune (dott. Rabottini) e altri forestali e cittadini, dove è emerso che in effetti , a monte del procedimento amministrativo, è stata effettuata esclusivamente una "valutazione del rischio" e non della STABILITA' ; anzi,a detta del tecnico stesso ( autore della relazione per conto del Comune), alcune piante destinate al taglio possono essere considerate STABILI quantomeno per altri 15-20 anni ! Trattasi di alberi problematici “per il contesto urbano in cui crescono e per l'assenza di manutenzione” (come scrive in prima pagina il dott. Rabottini nella sua relazione ) che però, per sua stessa ammissione, con opportuni interventi e monitoraggio costante (ogni due anni circa) potrebbero essere facilmente mantenuti" ha dichiarato la Di Paola, aggiungendo che andrebbero valutati tutti i parametri per decidere di arrivare al taglio di un pino storico, come ad esempio l'impatto sul paesaggio, i benefici che l'albero fornisce all'ambiente circostante, ed eseguire analisi più approfondite e tecniche sulle piante stesse.

"Chiediamo quindi all'assessora al verde, Laura Di Pietro, un confronto ufficiale “partecipato” attraverso un sopralluogo congiunto per rivalutare caso per caso l'analisi delle piante in considerazione dei parametri sopra esposti." ha concluso la Di Paola.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento