Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Centro Storico / Piazza Unione

Piazza Unione, al via venerdì la seconda edizione di “Notti Sicure”

La campagna di sensibilizzazione contro l'abuso di alcol e le stragi del sabato sera è promossa dal Comune di Pescara in collaborazione con l'Aci e il Modavi. Il servizio sarà attivo per 12 serate ogni fine settimana dalle 23 alle 3

Partirà venerdì 21 dicembre la seconda edizione di ‘Notti Sicure’, campagna di sensibilizzazione contro l’abuso di alcol e le stragi del sabato sera promossa dal Comune di Pescara in collaborazione con l’Aci e il Modavi. A partire dai prossimi venerdì e sabato notte, per 12 serate ogni fine settimana, la Consulta Giovani sarà presente in piazza Unione con un gazebo in cui verranno distribuiti 500 kit monouso sublinguale per consentire ai giovani di verificare il proprio tasso alcolemico. Se verranno riscontrati livelli eccessivi di alcol, la Consulta offrirà agli stessi ragazzi la possibilità di essere riaccompagnati a casa dai volontari del Modavi, per evitare di mettersi alla guida in condizioni non ottimali.

“La nostra – ha detto il Direttore dell’Aci, Andrea Berardi – vuole essere un’efficace attività di prevenzione, ricordando ai giovani che se con un livello di alcol nel sangue compreso tra lo 0,5 e lo 0,9 la probabilità di fare incidenti mortali è pari a 11, con un livello di alcol superiore allo 0,9 la probabilità sale a 380. Purtroppo, per certi versi, il problema dell’abuso di alcol è più grave dell’uso delle droghe, perché l’alcol è legale e si ignorano i rischi che si corrono guidando in stato di ebbrezza. Il messaggio dev’essere chiaro: ‘chi guida non deve bere’ e l’iniziativa di sensibilizzazione del Comune è assolutamente encomiabile”.

Nella prima edizione di Notti Sicure sono stati monitorati 451 ragazzi, tra cui 346 uomini e 105 donne, queste ultime sempre più reticenti a sottoporsi alla prova. L’indagine ha permesso di verificare che l’abuso di alcol è più diffuso tra ragazzi culturalmente formati (diplomati o laureati) anzichè tra giovani con qualche disagio sociale. Il 42% dei ragazzi che sono risultati con un tasso alcolico superiore a 0,5 grammi per litro erano infatti laureati; il 38% studenti. La maggior parte dei frequentatori del centro storico sono giovani con una solidità economica, ossia 221 lavoratori e 191 studenti, che possono contare sull’aiuto dei genitori, e solo 38 erano disoccupati: tra i lavoratori, il 40% aveva superato il limite di alcol consentito.

“Nella seconda edizione di ‘Notti Sicure’ – ha aggiunto Maristella Diodati del Modavi – abbiamo deciso di spostarci in piazza Unione perché abbiamo rilevato che è un’area di maggiore visibilità e possiamo essere avvicinati più facilmente dai ragazzi che frequentano il centro storico. Saremo presenti ogni venerdì e sabato sera dalle 23 alle 3 del mattino. Ai ragazzi non vogliamo dire ‘bevi tranquillamente, tanto ti riportiamo a casa’; il messaggio piuttosto è ‘bevi, ma senza esagerare’, e dinanzi a situazioni di rischio accertate non potremo chiudere gli occhi, ma magari individueremo nel gruppo il ragazzo che non ha bevuto e che avrà la responsabilità di riaccompagnare gli amici a casa”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Unione, al via venerdì la seconda edizione di “Notti Sicure”

IlPescara è in caricamento