rotate-mobile
Cronaca Centro

Petrolio in Abruzzo, politici e cittadini in strada a Pescara

Si è svolta sabato scorso la manifestazione organizzata dal Wwf Abruzzo in collaborazione con i comitati locali e le altre associazioni ambientaliste, per informare i cittadini e protestare contro i centri oli in Abruzzo

Una manifestazione per informare i cittadini abruzzesi sul rischio petroli, quella che ha animato il centro di Pescara sabato mattina.

Il Wwf Abruzzo in collaborazione con alcuni comitati cittadini ed associazioni ambientaliste, ha tenuto nei pressi della Nave di Cascella un sit in di protesta con lo scopo di informare e sensibilizzare i cittadini riguardo i rischi derivanti dalla lavorazione ed estrazione del petrolio nella nostra regione.

All'evento hanno partecipato anche diversi politici ed amministratori locali, tra cui i sindaci di Miglianico, Pineto, Fara Filiorum Petri e diversi assessori locali, oltre ai consiglieri di rifondazione Di Minco ed Acerbo.

Sul posto sono stati allestiti, per l'occasione, diversi stand informativi dove tutti i cittadini potevano ricevere informazioni e materiale riguardante la costruzione del centro oli ad Ortona e la situazione abruzzese dal punto di vista petrolifero. Era possibile anche firmare una petizione contro la costruzione del centro.

Successivamente, circa 200 manifestanti si sono spostati lungo le strade limitrofe dove hanno sfilato esponendo la scritta "No Oil".

I partecipanti e le associazioni ambientaliste chiedono maggiore tutela per il patrimonio naturale delle coste e dell'intero territorio abruzzese: "Da regione europea dei parchi, rischiamo di diventare una vera e propria piattaofrma petrolifera: i danni all'ecosistema, se la Regione non interverrà, saranno catastrofici" hanno dichiarato alcuni manifestanti.



Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Petrolio in Abruzzo, politici e cittadini in strada a Pescara

IlPescara è in caricamento