Cronaca

Pescara, torna la "truffa dell'incidente": arrestate due donne

Assieme ad un complice avevano raggirato un'anziana di 85 anni residente ai Colli facendole credere di dover pagare un'ingente somma di denaro per rilasciare il figlio fermato per un incidente

Hanno adescato un'anziana di 85 anni che vive a Pescara colli, facendole credere che il figlio era stato fermato dai carabinieri per un incidente e avrebbe dovuto pagare un'igente somma di denaro per liberarlo. In realtà, volevano solo raggirarla e derubarla. In manette sono finite due donne, Angela Ambrosio 48 anni e Luisa Savona (47) entrambe originarie del napoletano.

A beccarle in flagranza di reato i carabinieri del Reparto Operativo e Nucleo Investigativo di Pescara. Alcuni cittadini avevano segnalato la presenza di un'auto sospetta con due donne aggirarsi ai Colli. Al controllo della targa, è risultata noleggiata a Napoli e i militari si sono portati sul posto per compiere alcune attività di appostamento davanti al palazzo dell'anziana che, una volta ascoltata, ha confermato di essere stata contattata prima da un uomo che si è spacciato per avvocato e carabiniere e poi da una delle donne (l'altra rimaneva in auto).

RAGGIRA UN'ANZIANA, ARRESTATA

A quel punto i militari hanno interrotto la telefonata fra la vittima e l'uomo ed hanno arrestato le due donne pronte ad incassare il denaro. Ora le indagini si concentreranno sulle decine di episodi simili segnalati in città negli ultimi mesi, che potrebbero essere attribuiti proprio alla coppia di donne napoletane.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara, torna la "truffa dell'incidente": arrestate due donne

IlPescara è in caricamento