rotate-mobile
Cronaca

Pescara, tortura e pesta a sangue la compagna per mesi: arrestato

Un pescarese è stato arrestato dalla Polizia intervenuta dopo la segnalazione di una donna che, ferita ed in stato di shock, era sfuggita alle brutali violenze del compagno

Un pescarese con precedenti specifici per maltrattamenti è stato arrestato ieri dalla Squadra Volante con l'accusa di maltrattamenti, lesioni personali aggravate e denunciato per porto di oggetti atti ad offendere. Gli agenti sono intervenuti a seguito di una segnalazione arrivata al 113 per una ragazza che, in stato di shock e visibilmente ferita, si era rifugiata in un bar sotto la sua abitazione.

PICCHIA E MALTRATTA LA CONVIVENTE, ARRESTATO

Una volta sul posto, i poliziotti hanno appurato che il compagno si era dato alla fuga in auto e lo hanno raggiunto e bloccato trovandolo in possesso di un cacciavite ed una spranga di ferro con delle punte. La ragazza presentava lesioni al volto, ai polsi ed alle braccia ed è stata condotta in ospedlae dove ha avuto una prognosi di 21 giorni per lesioni e la frattura del naso. La ragazza ha poi raccontato di essere vittima da molto tempo delle violenze del compagno dal quale si voleva separare. La sera fra l'1 ed il 2 maggio, in particolare, era stata legata ad una sedia con una catena e sottoposta ad un violento pestaggio. L'uomo ora si trova in carcere a Pescara.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara, tortura e pesta a sangue la compagna per mesi: arrestato

IlPescara è in caricamento