rotate-mobile
Cronaca

Pescara: nuovi tagli agli orari della Biblioteca D'Annunzio, studenti in rivolta

A sollevare la questione è Rifondazione Comunista che annuncia il taglio, da parte della Regione, di altre 12 ore di apertura dell'ex biblioteca provinciale.

Ancora tagli agli orari delle biblioteche in città, con chiusure complete nel week end praticamente di tutte le strutture. A denunciare l'accaduto è Rifondazione Comunista, che sottolinea come la Regione abbia deciso di ridurre ulteriormente l'orario di apertura della Biblioteca D'Annunzio di altre 12 ore. Con la chiusura il sabato e la domenica, per gli studenti nel fine settimana le strutture sono tutte chiuse, compresa la biblioteca dell'Università D'Annunzio.

Nel gennaio 2017, sottolineando Corrado Di Sante e Paolo Mantini di Rifondazione, il consigliere PD delegato alla cultura Monticelli aveva promesso nuovi investimenti sulle biblioteche ed addirittura un aumento delle ore di apertura.

"A distanza di più di un anno è accaduto l’esatto contrario, ad esempio gli orari dell’ex biblioteca provinciale di Pescara “G.D’Annunzio” sono ulteriormente ridotti. La Regione Abruzzo ha tagliato altre 12 ore di apertura settimanale. Sono confermate le chiusure di sabato e domenica, un vero assurdo per una città universitaria come Pescara. Dal lunedì al giovedì la chiusura dalle 19,30 è stata anticipata alle 18. E il venerdì la chiusura della biblioteca è  addirittura alle 13,30. Una vergogna! Che fine hanno fatto le economie del sistema bibliotecario regionale annunciate dal consigliere regionale Luciano Monticelli?"

Secondo Rifondazione, D'Alfonso e la Giunta hanno di fatto azzerato il diritto allo studio, investendo soldi solo in grandi opere inutili.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara: nuovi tagli agli orari della Biblioteca D'Annunzio, studenti in rivolta

IlPescara è in caricamento