Pescara, rapina armato di coltello un negozio: identificato ed arrestato

Un 43enne di origini romane è stato arrestato dalla Squadra Mobile in quanto responsabile della rapina a mano armata messa a segno nel negozio "Tigotà" di Pescara

Il 5 marzo scorso ha messo a segno una rapina nel negozio "Tigotà" di Pescara, minacciando con un coltello i dipendenti e portando via l'incasso. A distanza di tre settimane, gli agenti della Squadra Mobile di Pescara lo hanno individuato ed arrestato. Si tratta di C.B. 43enne originario di Roma ma residente da tempo a Silvi Marina.

RAPINA IN UN NEGOZIO A PESCARA

Dopo aver minacciato le dipendenti, si è fatto aprire il registratore di cassa contenente 240 euro minacciando con il coltello uno dei commessi, per poi darsi alla fuga. Grazie alle descrizioni fornite, gli agenti hanno indirizzato la loro attenzione sull'uomo ed hanno effettuato una perquisizione domiciliare trovando abiti compatibili con quelli indossati dal rapinatore. Messo alle strette, il 43enne ha confessato facendo ritrovare anche il coltello abbandonato nel quartiere Zanni. L'uomo ora si trova in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, allerta a Pescara: quarantena per alcune persone che hanno avuto contatti con pazienti infetti

  • Incidente mortale a Moscufo, identificate le quattro vittime

  • Schianto mortale nella notte, deceduti quattro uomini a Moscufo [FOTO]

  • Coronavirus, un paziente risulta positivo al test: primo caso in Abruzzo

  • Esce di strada e si ribalta, incidente mortale a Cepagatti [FOTO]

  • Coronavirus, l'ordinanza: chi torna da zone a rischio deve comunicarlo al medico

Torna su
IlPescara è in caricamento