Cronaca

Pescara, prostituta ferita da un proiettile: il commento di On the Road

L'associazione "On The Road" che da sempre si occupa della tutela delle prostitute interviene sul caso della nigeriana ferita a Pescara da un colpo di pistola sparato probabilmente da un suo cliente

L'Associazione On The Road di Vincenzo Castelli, da sempre in prima fila per tutelare le prostitute, interviene sul caso della ragazza nigeriana rimasta ferita da un colpo di pistola al volto sparato probabilmente da un suo cliente.

Abbiamo preso i primi contatti con medici e forze dell’ordineper segnalare la disponibilità dei nostri operatori, delle nostre strutture e della nostra esperienza ad aiutare questa ragazza così violentemente colpita a superare questo momento e a recuperare salute, serenità, autonomia. Ci auguriamo che le sue condizioni possano rapidamente migliorare.

Dobbiamo constatare  che casi come quello di Pescara non sono così rari e che molto spesso le persone che si prostituiscono, che siano o meno coinvolte nei circuiti dello sfruttamento, sono descritte come un pericolo per la sicurezza dei cittadini mentre sono le prime a subire reati che non possono denunciare per le condizioni di vulnerabilità e illegalità che si trovano a vivere.” ha detto Castelli.

Intanto proseguono le indagini da parte della Squadra Mobile. Il proiettile è un calibro 9 sparato da una semiautomatica. Dal racconto della ragazza, sembra che il cliente l'abbia caricata a Montesilvano e poi condotta a Colle San Donato, dove l'ha derubata e poi le ha sparato al volto. Per soli due millimetri il proiettile non ha colpito la vena giugulare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara, prostituta ferita da un proiettile: il commento di On the Road

IlPescara è in caricamento