rotate-mobile
Cronaca

Pescara, maxi sequestro di pesce: oltre tre quintali recuperati dalla Guardia Costiera

Multe salate e denunce per alcuni pescatori che non avevano rispettato le norme vigenti per la pesca di vongole e per alcuni venditori di pesce in quanto privo di qualsiasi tracciabilità

Controlli incessanti da parte della Guardia Costiera di Pescara sull'intera filiera del pesce, per verificare il rispetto di tutte le norme e soprattutto tutelare i consumatori. Negli ultimi giorni, a seguito di controlli effettuati sulle banchine, gli uomini della Guardia Costiera hanno sequestrato circa 135 chilogrammi di vongole ispezionando un peschereccio appena arrivato che aveva pescato una quantità superiore al limite imposto dalla legge, senza dichiararlo a bordo. L'armatore è stato multato con una sanzione di 4000 euro ed il pescato, ancora vivo, è stato rigettato in mare.

PESCARA: SEQUESTRO DI VONGOLE AL PORTO

Controlli anche in alcuni punti vendita di alimentari etnici, dove sono state comminate multe per 13 mila euro e sequestrati 200 kg di pesce privo di qualsiasi certificazione e tracciabilità. Sanzionati anche alcuni venditori che avevano immesso sul mercato confezioni di pesce senza etichette conformi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara, maxi sequestro di pesce: oltre tre quintali recuperati dalla Guardia Costiera

IlPescara è in caricamento