Cronaca Fontanelle / Via Caduti per Servizio

Pescara, attentati a Fontanelle: ancora intimidazioni e violenze

A Fontanelle, in particolare in alcuni edifici popolari di via Caduti per Servizio, la situazione è ancora da Bronx. Sono le parole di Nello Raspa e Domenico Pettinari, che denunciano ancora violenze ed atti intimidatori

A Fontanelle, in particolare in alcuni edifici popolari di via Caduti per Servizio, la situazione è ancora da Bronx. Sono le parole di Nello Raspa e Domenico Pettinari, che denunciano ancora violenze ed atti intimidatori da parte dei pregiudicati e delle famiglie criminali non ancora raggiunte dagli sfratti.

Proprio sul tema degli sfratti si è concentrata l'attenzione durante la conferenza di questa mattina, nella quale si è parlato di una situazione ancora molto critica, lamentando una minore attenzione da parte delle Forze dell'Ordine che hanno ridotto i pattugliamenti, secondo gli esponenti delle due associazioni cittadine e secondo il parroco Don Max.

"Dobbiamo cercare far trasferire - hanno aggiunto - i 100 mila euro avuti dalla Regione Abruzzo all'Ater per attuare le procedure di sfratto delle sei, sette famiglie che occupano abusivamente alcuni alloggi. Per questo facciamo appello al magistrato di firmare i decreti di sfratto e di sequestro, perchè altrimenti i problemi resteranno irrisolti. " ha detto Pettinari, mentre il parroco chiede la riapertura della scuola media e l'istituzione di un farmacia. Tutti vorrebbero anche l'installazione di un impianto di videosorveglianza.

Ricordiamo che qualche mese fa Fontanelle era balzata agli onori delle cronache per i vari attentati ed atti intimidatori condotti da pregiudicati e spacciatori del posto, fra cui l'incendio dell'auto di Nello Raspa e le martellate alla porta della sede di Codici.

A Fontanelle attualmente sono presenti ancora i militari che pattugliano la zona assieme alle altre Forze dell'Ordine.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara, attentati a Fontanelle: ancora intimidazioni e violenze

IlPescara è in caricamento