rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Penne Penne

Saranno accolti nel centro della riserva Lago di Penne i 40 profughi ucraini in arrivo nella città vestina

Lo ha reso noto il sindaco di Penne Giberto Petrucci a margine dell'incontro avuto con il prefetto per pianificare l'accoglienza delle donne e dei bambini ucraini

Saranno accolti, la prossima settimana, nel centro di educazione ambientale della riserva naturale Lago di Penne i primi 40 profughi ucraini dirottati nella città vestina. Lo ha fatto sapere il sindaco Gilberto Petrucci a margine dell'incontro con la firma della convenzione avvenuta ieri 18 marzo con il prefetto Giancarlo Di Vincenzo. Si tratta del primo accordo tra la prefettura di Pescara e un Comune del pescarese per l'accoglienza ai rifugiati dal territorio ucraino, come ha spiegato il sindaco aggiungendo che si tratta di donne e bambini che fuggono da un conflitto inaccettabile e ingiustificabile.

"Come Comune stiamo organizzando altre iniziative che si collegano con quelle finora messe in campo dalle associazioni di volontariato. Penne dunque darà il suo contributo. Di fronte a questa tragedia umanitaria non possiamo avere dubbi nel dare una risposta concreta a chi chiede aiuto. Dobbiamo garantire accoglienza a chi è nella disperazione per aver dovuto abbandonare tutto e sappiamo di avere al nostro fianco prefettura, Regione, Protezione civile e associazioni. La nostra comunità è straordinaria e farà tutto il possibile per poter dare un aiuto concreto».

Ricordiamo che la macchina organizzativa della prefettura è in moto fin dalle prime ore dopo lo scoppio del conflitto fra Russia e Ucraina, per organizzare al meglio assieme alle amministrazion comunali, alle forze dell'ordine ed alle associazioni di volontariato l'accoglienza dei rifugiati.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saranno accolti nel centro della riserva Lago di Penne i 40 profughi ucraini in arrivo nella città vestina

IlPescara è in caricamento