rotate-mobile
Penne Penne

Penne: nel 2011 quaranta aperture in deroga per i negozianti pennesi

Il Sindaco di Penne, Donato Di Marcoberardino, attraverso un'ordinanza, in accordo con le associazioni commerciali e con i sindacati, ha stabilito orari, deroghe ed esclusioni per i negozianti pennesi

Orari, deroghe ed esclusioni per i negozianti pennesi sono stati stabiliti dal Sindaco Donato Di Marcoberardino con una nuova ordinanza. E' stato stilato anche il calendario delle giornate domenicali e festive nelle quali i commercianti avranno la possibilità di rimanere aperti. Gli Ufficiali e gli Agenti della Forza Pubblica avranno il compito di controllare il rispetto delle regole.

Gli esercizi di commercio in sede fissa, ha decretato l'ordinanza, potranno restare aperti al pubblico dalle ore 07,00 alle ore 22,00. I commercianti, all'interno del lasso di tempo stabilito, potranno liberamente determinare l'orario di apertura e chiusura del proprio esercizio, non superando comunque il limite delle 13 ore giornaliere.

Gli esercenti, che saranno tenuti ad esporre chiaramente al pubblico l'orario d'apertura e chiusura del proprio negozio, avranno la facoltà di svolgere la propria attività senza interruzioni o optando per un intervallo pomeridiano.

Sarà possibile rimanere aperti sino alle ore 24 di ogni giornata nel periodo compreso tra il 15 giugno ed il 30 settembre di ogni anno, nella settimana antecedente la Pasqua, durante il mese di dicembre ed in occasione di particolari eventi: manifestazioni religiose, sportive o fieristiche, festività ricorrenze o manifestazioni pubbliche di interesse generale.

CHIUSURA INFRASETTIMANALE E FESTIVA. La chiusura settimanale per gli esercizi commerciali in sede fissa potrà essere stabilita autonomamente da ogni singolo esercente indipendentemente dalla settore di appartenenza. L'esercizi sindacale ha stabilito in dettaglio i festivi nei quali gli esercenti potranno rimanere aperti:  02 - 06 – 09 – 16 – 23 – 30 gennaio; 06 – 13 – 20 – 27 febbraio; 06 marzo; 03 – 10 – 17 aprile; 08 – 15 – 22 – 29 maggio;  26 giugno; 03 – 10 – 17 – 24 – 31 luglio;  07 – 14 – 21 – 28 agosto;  04– 11 – 18 – 25 settembre;  30 ottobre;  06 – 13 – 20 – 27 novembre; 04 – 11 – 18 dicembre.

La chiusura sarà obbligatoria nelle giornate di Pasqua, lunedì dell’Angelo, 1° maggio, 25 e 26 dicembre. In occasione di particolari eventi, di manifestazioni religiose, sportive o fieristiche che comportano afflussi straordinari di persone, potranno essere concesse ulteriori deroghe.

Gli esercizi alimentari, invece, dovranno garantire l'apertura al pubblico in caso di più di due festività consecutive nelle ore antimeridiane del primo giorno festivo, a condizione che tale giornata non coincida con la Domenica. In tal caso si potrà effettuare l’apertura il secondo giorno festivo.

ESCLUSIONI. Non saranno tenuti ad adeguarsi all'ordinanza le rivendite di generi di monopolio; gli esercizi di vendita interni ai campeggi, ai villaggi e ai complessi turistici ed alberghieri; le rivendite di giornali; le gelaterie e le gastronomie; le rosticcerie e le pasticcerie; gli esercizi specializzati nella vendita di bevande, fiori, piante e articoli di giardinaggio,mobili, arredamento, illuminazione, casalinghi, libri dischi, nastri magnetici, musicassette, videocassette, opere d'arte, oggetti d'antiquariato, stampe, cartoline, articoli da ricordo, e artigianato locale; le sale cinematografiche. L'ordinanza avrà affetto fino al 31-12-2011 e sarà sostitutiva di ogni altra precedente emanata in materia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Penne: nel 2011 quaranta aperture in deroga per i negozianti pennesi

IlPescara è in caricamento