Penne Penne / Via Ringa

Penne, i commercianti di Viale Ringa protestano in Comune

Senza parcheggi e con una clientela intimorita dalle multe dei vigili urbani. Questa la situazione dei 24 commercianti di viale Ringa che, ieri mattina, hanno chiuso le attività e chiesto un confronto con il sindaco

Serrande abbassate e commercianti di viale Ringa in protesta in comune. Fino a due anni fa i negozi che si trovano lungo viale Ringa, dove passa la statale 81, avevano a disposizione dei clienti diversi spazi blu, gestiti dalla società SIG per conto dell'ente pennese. L'Anas ha poi deciso di allargare la statale, eliminando così i parcheggi. "Da allora e sono due anni lavoriamo in condizioni inammissibili", spiega una commerciante del viale".

"Lo scorso settembre, in attesa che si riuscisse a mettere in piedi un vero e proprio piano parcheggi per la zona, il sindaco D'Alfonso ci aveva garantito che non ci sarebbe stato accanimento da parte degli agenti di Polizia Municipale nei confronti della clientela in  sosta". I negozianti hanno palesato al primo cittadino pennese, che ha ascoltato le loro ragioni nella ex sala consiliare del comune,  insoddisfazione e un'impossibilità ad andare avanti in questo modo.

"Paghiamo affitti salatissimi, mentre i rientri economici, considerate le difficoltà che i clienti hanno per sostare nelle vicinanze delle nostre attività, e il rischio multe sempre dietro l'angolo, sono diminuiti pesantemente". Gli esercenti dell'alberato viale pennese, 24 in tutto, hanno hiesto al sindaco Rocco D'Alfonso di trovare quantomeno una soluzione momentanea e comunque un margine superiore di tolleranza da parte degli agenti della polizia locale.

"Il problema parcheggi di viale Ringa è un problema endemico per la nostra città, conorderò con il capitano dell Polizia Municipale, Natalino Matricciani, un piano d'intervento per migliorare la situazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Penne, i commercianti di Viale Ringa protestano in Comune

IlPescara è in caricamento