rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Penne Penne

Emergenza Covid, il reparto dialisi dell'ospedale di Penne ha rischiato di chiudere

Lo ha fatto sapere l'assessore alla sanità di Penne Tulli parlando di una situazione difficile nel nosocomio vestino dove solo da qualche giorno i ricoveri Covid19 sono diminuiti

Il reparto di dialisi dell'ospedale di Penne ha rischiato la chiusura per mancanza di personale, che era stato totalmente dirottato al reparto Coronavirus nei giorni più difficili dell'emergenza. Lo ha fatto sapere l'assessore alla sanità del Comune di Penne Tulli raccontando la situazione critica del nosocomio vestino, che è stato abilitato ai casi Covid19 positivi e che ha visto il blocco di praticamente tutti gli altri reparti.

I pazienti della dialisi rischiavano di essere trasferiti in una struttura privata di Montesilvano, anche se il rischio sembra per ora scongiurato considerando l'allentamento della pressione per i nuovi ricoveri da Coronavirus negli ultimi giorni. Il personale infatti era stato completamente riassorbito in quel reparto e dunque non era possibile garantire la doppia turnazione:

"Sto aspettando la conferma ma pare che sia stata allestita una stanza riservata ai pazienti Covid positivi con l'arrivo di due operatori sanitari da Popoli. Sembra che la burrasca sia passata. Ieri sono venuta a sapere che si sta allestendo il locale dove c'era il bar per fare un pre-triage che fino ad oggi si faceva in una tenda"

L'assessore però ha ribadito la problematica della mancanza di dispositivi medici e di protezione per il personale sanitario e per i cittadini, arrivati in un numero insufficiente dalla Regione. E ribadisce che, quando sarà passata l'emergenza, sarà necessario rivedere il piano sanitario regionale in quanto l'ospedale di Penne deve tornare ad essere un presidio di base e fondamentale per l'entroterra pescarese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza Covid, il reparto dialisi dell'ospedale di Penne ha rischiato di chiudere

IlPescara è in caricamento