Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Penne, soldi in cambio di una testimonianza a favore in un processo: arrestato

E' stato arrestato dai carabinieri un imprenditore 70enne di Penne accusato di aver fatto pressioni nei confronti di un procuratore speciale offrendogli di cambiare una testimonianza in cambio di 50 mila euro

Un imprenditore 70enne di Penne, G.M, è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo Investigativo con l'accusa di concussione ai danni di un procuratore speciale di una ditta di costruzioni.

La storia ha inizio qualche tempo fa, quando la vittima aveva rapporti lavorativi con l'arrestato ed il suo complice, un 50enne di Loreto Aprutino A.F.

Di professione procuratore per la vendita di appartamenti per conto di un'azienda edile, era stato licenziato per una presunta appropriazione indebita di denaro da parte della vittima della concussione, attualmente è ancora in giudizio presso il Tribunale.

In quell'occasione l'arrestato aveva testimoniato a favore dell'azienda, con dichiarazioni abbastanza dubbie e poco affidabili. Proprio per questo, il 70enne più volte aveva fatto pressioni sul procuratore chiedendo denaro in cambio della modifica sostanziale della testimonianza, una rettifica che gli avrebbe permesso di uscire pulito dalla vicenda. In totale la cifra richiesta era di 50 mila euro.

Il denaro chiesto, fra l'altro, sarebbe servito all'arrestato per sanare un debito contratto proprio con l'impresa edile.

La vittima ha deciso però di raccontare tutto ai carabinieri che, una volta avviate le indagini fatte con intercettazioni telefoniche ed ambientali, hanno arrestato il 70enne ed il complice che si sarebbe dovuto occupare della riscossione del denaro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Penne, soldi in cambio di una testimonianza a favore in un processo: arrestato

IlPescara è in caricamento