Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Pedaggio Asse Attrezzato, Testa: "La battaglia va avanti"

Il Presidente Testa interviene sulla questione del pedaggio sull'asse attrezzato, alla luce della decisione del sottosegretario Castelli di proseguire l'iter per l'introduzione del sistema a pagamento

Il Presidente della Provincia Testa interviene sulla questione del pedaggio sull'asse attrezzato, alla luce della decisione del Governo di proseguire l'iter che porterà all'introduzione del sistema a pagamento sui raccordi autostradali gestiti dall'Anas, compreso l'Asse Attrezzato.

Il Presidente ha detto di non aver cambiato idea, e di continuare ad essere convinto che il pedaggio sia un balzello ingiusto e pesante per i cittadini e per gli automobilisti pescaresi.

"La battaglia va avanti: se il Governo non cambia idea non lo facciamo anche noi, e portiamo avanti con convinzione le nostre azioni per difendere gli interessi dei pescaresi. Laddove necessario e possibile adiremo di nuovo le vie legali" ha detto Testa.

CNA L'associazione parla di un provvedimento iniquo, e chiede ai parlamentari abruzzesi di far sentire la propria voce. "La verità è che si tratta solo dell’ennesimo espediente escogitato per far cassa, e a pagare saranno alcuna una volta cittadini e imprese. E per fare questo il governo non esiterà a infilare le mani nel portafoglio dei contribuenti" aggiunge la Cna, parla di insensibilità da parte dell'esecutivo.

CASCIANO E IACOBITTI I segretari cittadini del PD di Pescara e Chieti criticano duramente il Pdl: "“L’intera classe politica del PDL abruzzese ha fallito e adesso i cittadini della nostra regione, i pendolari, gli studenti e i lavoratori saranno costretti a pagare il pedaggio sull’Asse Attrezzato" tuonano i segretari, che annunciano iniziative eclatanti qualora dovvesse diventare operativo il provvedimento, con il possibile blocco dei lavori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedaggio Asse Attrezzato, Testa: "La battaglia va avanti"

IlPescara è in caricamento