Pasticcere originario del Pescarese ucciso in una rapina in Venezuela

Clemente Elias Nobilio Serrano, originario di Loreto e che spesso si recava in vacanza a Montesilvano, è stato ucciso a Maracaibo

Un 57enne pasticcere originario del Pescarese (il nonno era di Loreto Aprutino), è stato ucciso lunedì 12 agosto all'interno del suo negozio di dolci in Venezuela. L'episodio è avvenuto nella "Donas Donas Bakery" nella 16esima Avenue di Cecilio Acosta Street, a Maracaibo.

Qui, Clemente Elias Nobilio Serrano è stato ucciso a colpi di pistola da alcuni rapinatori entrati nel negozio per rubare l'incasso e che non hanno esitato ad ucciderlo dopo che l'uomo ha opposto resistenza. Trasportato in ospedale in condizioni gravissime, è deceduto nel giro di pochi minuti.

Clemente era molto conosciuto a Montesilvano, dove era ospitato dalla dalla zia Rita Nobilio sorella del padre Ermanno e veniva spesso in vacanza facendo visita anche agli altri parenti che vivono a Loreto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • Pesca illegale lungo il fiume Pescara di cefali, anguille e capitoni: controlli e sanzioni della guardia civile ambientale [FOTO]

Torna su
IlPescara è in caricamento