Ospedale di Pescara: parte nuovo progetto di clownterapia

Non più soltanto due giorni alla settimana, bensì tutti i giorni, per un anno, un clown-dottore sosterrà a livello psicologico i bambini ricoverati presso l'ospedale di Pescara, per regalare sorrisi ed emozioni positive ai piccoli malati

E' stato avviato un progetto di "clownterapia", della durata di un anno, nei reparti di chirurgia pediatrica ed ematologia dell'Ospedale Civile di Pescara. Tale supporto ai piccoli malati, era dapprima offerto solo un paio di giorni alla settimana, ora sarà quotidiano, così come ha dettagliato durante la conferenza stampa il Dr. Antonello Persico, il medico che ha avviato nel 2005 per la prima volta questo servizio.

Il progetto contempla la presenza di un clown-dottore, nella fattispecie una psicologa, con l'assistenza di un volontario. Il sostegno ed i finanziamenti per la messa in atto del servizio arrivano dalle associazioni "Amico" e "Agbe" in collaborazione con l'associazione ClownDoc.

Il primario del reparto di chirurgia pediatrica, Dr. Pierluigi Lelli Chiesa, si è mostrato soddisfatto di aver raggiunto l'obiettivo di portare la clownterapia presso il nosocomio pescarese, sottolineando che il sorriso aiuta a guarire.

La presenza di figure che possano regalare emozioni positive a chi è ricoverato presso un ospedale è importante, grazie all'effetto terapeutico che esse hanno poichè agiscono direttamente sul sistema immunitario, rinforzandolo.

Soddisfazione e commenti positivi anche da parte del primario di ematologia, Dr. Giuseppe Fioritoni, che ha parlato dell'importanza del volontariato nel settore sanitario e della città di Pescara che si è dimostrata sensibile ai problemi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Marta Citriniti, studentessa del liceo Galilei di Pescara, nella nazionale italiana di dibattito regolamentato (Debate)

Torna su
IlPescara è in caricamento