menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ordinanze balneazione, chiesto il rinvio a giudizio per sindaco e vicesindaco

La Procura di Pescara ha chiesto il rinvio a giudizio per il sindaco Alessandrini e il vicesindaco Del Vecchio nell'ambito dell'inchiesta riguardante l'ordinanza di divieto di balneazione dello scorso anno

Potrebbero finire a processo il sindaco Alessandrini ed il vicesindaco Del Vecchio, assieme al dirigente comunale Vespasiano, nell'ambito dell'inchiesta condotta dalla Procura di Pescara riguardante la famosa ordinanza di divieto di balneazione del 3 agosto 2015.

La Procura, infatti, ha chiesto al Gup di mandare a processo i due amministratori con l'accusa di concorso in omissione d'atti d'ufficio. Cade la grave accusa di falso, ma resta dunque questo capo d'accusa.

Secondo i Pm, sindaco e vicesindaco firmarono l'ordinanza in ritardo rispetto al momento in cui erano venuti a conoscenza dei dati negativi riguardanti la balneazione in un tratto della riviera nord.

Ora si attende l'udienza del GUP che deciderà se prosciogliere gli amministratori o avviare il procedimento penale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento