menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operazione Vestina: domani De Vico sarà interrogato dal pm Varone

Il sindaco di Farindola, Antonello De Vico, sarà interrogato domani dal pm Varone in procura. E' agli arresti domiciliari dal 22 aprile scorso nell'ambito dell'inchiesta su presunte tangenti e appalti pilotati nell'area vestina

Domani, alle 10,30, il sindaco di Farindola, Antonello De Vico, sara' ascoltato dal pm Varone.

Il 26 aprile scorso, davanti al gip Maria Michela Di Fine, De Vico si era avvalso della facoltà di non rispondere.

La scelta, a detta dei suoi avvocati, fu motivata dall'impossibilità, in poco tempo, di esaminare accuratamente tutta la documentazione riguardante la vicenda.

De Vico, all'uscita dal tribunale di Pescara, spiegò ai tanti giornalisti presenti che non si sarebbe dimesso come Sindaco di Farindola.

Accusato di corruzione, estorsione e millantato credito, domani sarà chiamato a spiegare e chiarire i fatti.

Gli ex consiglieri comunali di Penne, Alberto Giancaterino e Femio Di Norscia, e l'ex assessore provinciale ai Lavori Pubblici, Rocco Petrucci, posti anche loro agli arresti domiciliari, invece, sono tornati in libertà.

Ai domiciliari, come De Vico, invece, è ancora l'imprenditore e presidente della cooperativa Agorà, Daniele Mazzetti.

Secondo l'accusa, gli indagati, ed in particolar modo i cinque destinatari della misura cautelare, avrebbero messo in atto un meccanismo illecito volto a controllare assunzioni e voti elettorali, gli interventi assistenziali e a compiere favoritismi nell'aggiudicazione di appalti per ditte "amiche" nell'area Vestina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento