Operazione “Benzina low cost”, accertata un'evasione dell'Iva per oltre 66 milioni di euro

L’ufficio antifrode e controlli della direzione territoriale per il Lazio e l’Abruzzo ha portato a termine le indagini in stretto coordinamento con gli uffici delle dogane di Pescara, L’Aquila, Roma 1 e Roma 2 e in collaborazione con la dogana di Perugia

Operazione “Benzina low cost”, accertata un'evasione dell'Iva per oltre 66 milioni di euro. Per la precisione, sono stati recuperati in totale ben 66.850.000 euro. L’ufficio antifrode e controlli della direzione territoriale per il Lazio e l’Abruzzo ha portato a termine le indagini in stretto coordinamento con gli uffici delle dogane di Pescara, L’Aquila, Roma 1 e Roma 2 e in collaborazione con la dogana di Perugia.

Tutto nasce da una verifica tecnica effettuata nel 2015 in un distributore della provincia dell’Aquila, cui sono seguite, in cinque anni, analisi investigative condotte utilizzando le banche dati in possesso e attraverso specifici riscontri, che hanno messo in evidenza la pericolosità fiscale e criminale di un gran numero di persone, che non hanno mai presentato dichiarazioni fiscali o le avevano presentate in maniera "assolutamente carente", come si legge in una nota, "a fronte di una movimentazione di milioni di euro di carburanti tra le regioni Abruzzo, Umbria e Lazio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sotto la regia della direzione distrettuale antimafia di Roma, le indagini, condotte attraverso perquisizioni e verifiche finanziarie anche su soggetti collaterali, hanno portato allo smantellamento di almeno 16 società fittiziamente interposte, che erano "dedite a una sistematica attività di evasione fiscale", e alla richiesta di rinvio a giudizio di più di 30 indagati per i reati di:

  • dichiarazione infedele
  • omessa dichiarazione
  • occultamento e distruzione di documenti contabili
  • concorso
  • falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico
  • truffa
  • ricettazione
  • riciclaggio
  • autoriciclaggio
  • contrabbando aggravato

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uno scambio di sguardi e c'è il colpo di fulmine, l'appello di una ragazza pescarese alla ricerca del suo principe azzurro

  • Gechi in casa: cosa fare e perché segnalarli al Wwf Abruzzo

  • Bambina di 6 anni con il nervo ottico infiammato ha bisogno urgente di una risonanza, ma manca il saturimetro amagnetico

  • Tre nuovi casi di Covid a Silvi: fra loro un'insegnante di una scuola di Montesilvano

  • Buoni fruttiferi postali prescritti, donna di Pescara recupera 8 mila euro: la decisione dell'arbitro bancario finanziario

  • Gli auguri di Pep Guardiola e Manuel Estiarte ad un commerciante di abbigliamento di Pescara [VIDEO]

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento