Omicidio Salvatore Russo: condannato a 16 anni Roberto Mucciante

Il 53enne uccise nell'aprile 2018 uccise il vicino di casa al termine di un banale litigio per dei presunti rumori condominiali prodotti dalla vittima

Condannato a 16 anni di carcere con il rito abbreviato Roberto Mucciante, il 53enne che il 25 aprile 2018 uccise con 38 coltellate il vicino di casa Salvatore Russo, al termine di un litigio per motivi condominiali. L'episodio avvenne in una palazzina in via Pian delle Mele, una traversa di via del Circuito.

Il tribunale di Pescara con il gup Bongrazio, ha condannato Mucciante anche al pagamento di 75 mila euro per la moglie di Russo, 45 mila euro per i figli e 15 mila euro per la sorella. Il pm Sciarretta aveva chiesto 20 anni per l'aggravante della crudeltà che invece non è stata contestata dal giudice.

All'imputato è stata riconosciuta anche una parziale incapacità di intendere e volere al momento del delitto. I familiari della vittima alla lettura della sentenza hanno urlato e pianto per la rabbia. Mucciante uccise Russo in quanto ritenuto responsabile di alcuni rumori molesti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • Oddo dopo l'esonero dal Pescara cita Pirandello

  • Diego Armando Maradona e l'Abruzzo, ecco la foto con lo chef Quintino Marcella

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

Torna su
IlPescara è in caricamento